MARIO CORDOVA

Nasce a Catania il 9 marzo 1955. La formazione avviene alla Scuola del Teatro Stabile di Genova, da cui si trasferisce a Roma, entrando in contatto col mondo del doppiaggio. Durante un turno di doppiaggio del film "10", Stefano Satta Flores lo presenta al direttore Mario Maldesi, che lo fa debuttare al leggio nel doppiaggio di Treat Williams, ne "Il principe della città". Mentre recita in diversi sceneggiati, presta voce ad attori del calibro di Howard E.Rollins jr. in "Ragtime", Arnold Schwarzenegger in "Conan il Barbaro" e "Danko", Harold Ramis in "Ghostbusters", Shawn Thompson in "Grasso è bello" e John Ritter in "Skin Deep - Il piacere è tutto mio". Parentesi significativa di quel periodo è anche il doppiaggio di Vittorio Mezzogiorno in una scena del film “Tre fratelli” di Francesco Rosi. In tv Cordova è la voce di Mark Singer nella serie “Visitors” e di Bruce Willis in “Moonlighting”. Alla fine degli anni '80, quando passa dalla CVD al Gruppo Trenta, doppia per la prima volta Richard Gere in "Affari sporchi" e Patrick Swayze ne "Il duro del Road House". Tornerà a prestare voce a Gere nei film…

altro